Monday, October 16, 2017

Finland - Resist the nazi march in Tampere and get organized for protracted struggle against fascism!




The nazi organization ”Nordic Resistance Movement” (NMR) is coming to march in Tampere on Saturday 21st of October, ostensibly ”for freedom of speech”. Also ”Soldiers Of Odin”, the street patrol organization founded on NMR’s permission, and the South-Ostrobothnian district of the ”Suomen Sisu” which has influenced also the government of Sipilä, have announced that they’re coming to support the NMR’s march. To protest and resist this, a counter-demonstration ”All of Tampere hates nazis” has been called, which we want to strengthen from our own standpoints. We don’t tolerate nazis’ freedom of speech, because we don’t tolerate any freedom for nazis. Come to construct combative antifascism uniting around the interests of the working class and oppressed masses!
The NMR is a nazi organization lead from Sweden and functioning also in Finland and Norway, the main programmatic goal of which is the unification of Nordic countries into a fascist federation. However, more alarming than its programmatic goals is its terroristic political practice, that converges in its special way with the wider fascistization of the society. Also, the fascist practice of the nazis has to be distinguished from the verbiage masking it. Victorious antifascism is guided by a correct understanding about fascism in general, and to beat the NMR its special role in fascism must be understood correctly. In short: fascism is counter-revolutionary and its class character is bourgeois, and in the currently developing Finnish fascism the NMR represents its most terroristic wing. The most exploited and oppressed masses have the most burning need to oppose fascism in general and the NMR specifically.
To effectively resist the activities of the NMR, the difference between friends and enemies must be made clear, a correct assessment of the situation must be made, and the raw truth must be published. The situation is not that the nazis are trying to get a foothold in Tampere. The situation is that practically entire Tampere is free for nazis to use. They have a secret office and the freedom to appear almost anywhere and anytime they want, and only rarely have they had to expect resistance or punishments. Against us is not only the NMR, but also larger powers supporting and enabling their and other fascists’ activity, the biggest of which are our ruling class the bourgeoisie and its state. To lean on them is both ineffective and suicidal. All gestures that the fascistizing authorities present against the ultra-right, prepare the repression of antifascists. Antifascist organizing and struggle is also hampered by variously manifesting liberalism, which even at its best would only allow us the most narrowly defined self-defense. As we dare to struggle and as victories are gained against fascists, the whole capitalist social system from its ”civil society” to the state will confront us. Victorious antifascism narrows the power of the bourgeoisie. It’s a treason against the republic of Finland. Antifascism can’t be accommodated to the norms of the bourgeois state and the bourgeois media, because that would mean the liberalization of antifascism and eventually its fascistization.
Thus, strategically speaking, we start outnumbered, one against ten. Therefore on the tactical level it’s necessary to gather ten against one as often as possible, as now when we strive to resist the nazi march. It’s necessary to start breaking out from the boundaries set by the bourgeois state and the bourgeois media, and demonstrate readiness to break against bourgeois legality and acceptability. Antifascist struggle is from the beginning and concretely class struggle. The lebensraum of the nazis must be reduced starting out from working class neighborhoods, block by block. Schools and workplaces are also important battlefields. Victorious antifascism makes way for struggle against everyday misery, and increases the strength to defend that struggle not only from fascists but also from the police. The aim must be that it’s the fascists – not the people threatened by them – who must confine their activities within the limits set by officials.
In order to destroy the enemy’s forces and to preserve our own, it’s also necessary to make situational choices and prepare for quick changes. On Saturday 21st of October we set as our main enemy the fascists, as the secondary enemy the police, and as the third enemy the liberalism which hinders struggle. Bring with you slogans agitating antifascist struggle and join with us into a tight bloc!
An advertisement picture of the nazi march communicates the Tampere city hall (Raatihuone) as their objective, which they’d wish to reach without resistance. We will frustrate that hope and prepare for nazi intrigues. The nazis want to destroy our forces and scatter our ranks by attacking the most militant and marginalized of our masses. They want us to kneel before our masters. We must get up and defeat the nazis in order to liberate ourselves and our class.
Let’s repel the nazi march with the superiority of the oppressed masses. Cast away illusions and prepare for struggle, that will make the NMR wish they had never stepped in Tampere and that will make the bourgeois wish they had never allowed the nazis here. Let’s not give nazis peace, let’s suppress their activities, smoke them out of their holes, and punish them without mercy.

Close ranks and destroy the fascists!

GALIZA: Convocatorias de concentracions de protesta, hoxe día 16.







Ourense, nas Casas de Chocolate
Vigo, na Diante do Marco
Corunha, no  Obelisco
Compostela, na Praça do Toural
Lugo, no Edifício Multiusos da Junta

Ponte Vedra, na Praça da Peregrina
Ferrol na praça de Amada Garcia
Cangas, na praça do Concelho
Monforte, na praça de Espanha
Carvalhinho, na praça Maior

Ribeira, na praça do Concelho
Cambados, na praça do Concelho

Lalim, na praça da Lóriga
Pontes, diante do Concelho
O Barco, diante do Concelho

Todas às 20h. exceto a do Barco, às 19h.  16.10,17
(informacions do Diario Liberdade) 

success for national women meeting in Pisa Italy .. and now towards 25th november! MFPR ITALY

4° Report  ASSEMBLEA NAZIONALE DELLE DONNE - last day



























DALLA DELEGAZIONE DEL MFPR 

Ieri assemblea plenaria, con le conclusioni dei Tavoli, le decisioni finali per il 25 novembre e ancora tanti e tanti interventi.

Durante l'assemblea una rappresentante delle donne kurde ha portato il sostegno all'assemblea e alla lotta delle donne in Italia, dicendo: abbiamo lo stesso obiettivo.

Verso le conclusioni, è stata presentata dalla compagna del Mfpr de L'Aquila, Luigia, promotrice della campagna per le prigioniere politiche, per Nadia Lioce, l'appello/mozione a difesa delle condizioni di vita e No al 41bis per Nadia Lioce. 
L'appello è stato accolto con un grosso applauso, come pure l'invito al presidio che si terrà a L'Aquila il 24 novembre in occasione dell'udienza del processo contro Nadia Lioce.
L'appello poi è stato sottoscritto da tante donne e altre invieranno le loro firme on line.

L'assemblea ha lanciato la manifestazione nazionale a Roma per il 25 novembre!
Ma questa volta - come è stato detto dalla gran parte degli interventi nei due giorni - sarà diversa dall'anno scorso, non sarà una passeggiata, un corteo "normale", ma sarà combattiva, esprimendo lo spirito di forza che dallo sciopero delle donne e dalle lotte che ci sono state in questi mesi e dall'assemblea è venuto fuori.
La manifestazione passerà e bloccherà alcuni dei luoghi Istituzionali simbolo della politica oppressiva e di attacco verso le donne, in particolare dal Ministero del Lavoro e dal Ministero degli Interni, del famigerato Minniti.

Unanime è stata la denuncia del carattere sistemico, strutturale della violenza sessuale, frutto di questo sistema capitalista. 
Certo, su come liberarsi di questo sistema capitalista, vi sono diverse posizioni, espressione anche della differente condizione di classe dentro il movimento delle donne, ma  la coscienza che questa violenza è strutturale a questa società, sgombera sempre più il campo da ogni illusione riformista che si possa mettere fine alla violenza sessuale lasciando in piedi il sistema sociale che la genera.

Lavoratrici delle coop. sociali di Palermo
e lavoratrici della Sodexo
Il Tavolo sul lavoro insieme alla piattaforma, ha portato a tutta l'assemblea la proposta di un'inchiesta/autoinchiesta dei luoghi più simbolici dello sfruttamento e oppressione delle lavoratrici, finalizzata a costruire un collegamento, una rete delle realtà e lotte delle lavoratrici; insieme al fatto di andare nelle vertenze più importanti per "toccare con mano" la situazione e dare forza alle donne in lotta. E' quella "marcia delle donne", portata come indicazione dalle lavoratrici del Mfpr, che così comincia a concretizzarsi. 

Forte da vari Tavoli e interventi è venuta la denuncia delle politiche securitarie, le politiche repressive, come dell'azione razzista contro i migranti e le migranti di Minniti, con gli accordi criminali fatti in Libia.
Una proposta su questo che è uscita in assemblea è di fare il 4 novembre iniziative nelle varie città verso le caserme, contro la polizia, i carabinieri - i cui uomini stupratori, violentatori, non sono "mele marce" - ha detto una compagna di Torino - ma parte di un sistema organico fascista, sessista della polizia.

Così come è stata forte e unanime la denuncia dell'azione della Boldrini che proprio vicino al 25 novembre presenterà il piano del governo sulla violenza sessuale, che è di fatto un piano di controllo, di repressione della socialità.
Per questo è uscita dall'assemblea di ieri l'indicazione di una giornata di mobilitazione - intermedia al 25 novembre - contro questo piano del governo. Le compagne romane hanno proposto che questa giornata sia il 17 novembre dato che in questo giorno vi sarà la discussione Stato/regione su questo piano al Dipartimento delle pari opportunità. 

Ma soprattutto, come ha detto qualcuna e noi siamo d'accordo, per contrapporsi alla violenza dello Stato - che impone una sorta di "dittatura della violenza" - è giusta la violenza delle donne.
Una violenza rivoluzionaria, aggiungiamo noi, per rovesciare il sistema del capitale.

Come ha detto nel suo intervento la compagna del Mfpr di Milano, Giovanna, e le lavoratrici di Palermo, questa assemblea ha segnato un passo avanti; da questa assemblea usciamo più forti. E la manifestazione del 25 novembre deve essere espressione di questa forza, che ha trovato nello Sciopero delle donne una prima e grossa manifestazione.
La lotta delle donne deve far paura - come l'ha fatta la radicalità delle donne che sono state ai G7, al G20 dove i padroni del mondo decidono i nostri destini. Noi vogliamo esprimere lo spirito irriducibile delle donne. 
L'elemento che ha segnato la differenza in questa assemblea nazionale è stata la presenza, gli interventi, lo spirito portato direttamente dalle lavoratrici, dalle loro lotte, che uniscono parole e fatti.
Le posizioni si sono meglio espresse e anche delimitate. L'azione da "cappello", imbrigliante di nudm di Roma ha dovuto fare un passo indietro.
ORA ANDIAMO VERSO UN 25 NOVEMBRE FORTE E COMBATTIVO!

Saturday, October 14, 2017

Assemblea nazionale delle donne in Italia - INTERVENTO DEL MFPR - ITALY

DIFESA E ATTACCO CONTRO LA GUERRA DI BASSA INTENSITA' VERSO LE DONNE

Di fronte alla “guerra di bassa intensità”, fatta di femminicidi, stupri, violenze quotidiane contro le donne, questo Stato borghese, la sua stampa, i suoi organi di controllo, repressivi, di "(in)giustizia" sono sempre più il problema non certo la "soluzione", come dice il femminismo borghese.

Quando questo Stato, questi governi intervengono con leggi, disposizioni, controlli, attuano soluzioni peggiori del male; perchè chi dovrebbe risolvere sono gli stessi che creano le condizioni oggettive e soggettive di questa nostra condizione; perchè i loro uomini, le loro forze dell'ordine, sono parte degli assassini e stupratori (pensiamo ai carabinieri stupratori di Firenze, alla polizia che molesta e violenta quando arresta, ecc.), questi sono coloro che attuano la violenza sessuale sistematica come modus viventi, come concezione organica fascista di subordinazione delle donne; perchè per questo sistema sociale la "soluzione" vuol dire ed è controllo sulle donne, divieti, chiusura e desertificazione degli spazi sociali, dei luoghi di socializzazione, ecc; perchè per questo Stato reazionario ciò che teme più di ogni cosa, ciò che è il suo vero “problema” è la ribellione, la lotta delle donne, verso cui riserva la repressione. 

Noi donne, quindi, meno che mai possiamo delegare a questo Stato, dobbiamo invece elevare la nostra lotta contro gli uomini che odiano le donne, lo Stato, il governo, i padroni... che odiano le donne; attuando in questo anche modi e soluzioni sul campo per rispondere e frenare le violenze sessuali contro noi donne, sviluppando una nostra “contro violenza autorganizzata” che imponga con la forza della lotta passi indietro a tutti.
Ma soprattutto dobbiamo attaccare, dobbiamo rovesciare il sistema sociale borghese.
E le donne hanno una doppia ragione per rispondere alla violenza reazionaria di questo sistema con la violenza rivoluzionaria.

Come abbiamo scritto tempo fa: “...la questione della “violenza” è discriminante significativa in relazione alla prospettiva che il movimento delle donne, il femminismo, le compagne rivoluzionarie e comuniste si pongono. L'obiettivo definisce il grado di radicalizzazione della lotta e le forme della sua organizzazione...”......Per il femminismo proletario la violenza rivoluzionaria si definisce nei termini di presa del potere perchè nessuna trasformazione reale delle condizioni di oppressione è possibile senza il potere!

Come diceva Marx: “La violenza è la levatrice di ogni società antica, gravida di una nuova società". Il marxismo esalta la "funzione rivoluzionaria della violenza" (F. Engels, Antidühring). Essa è il bello non è il brutto, perché tramite la violenza rivoluzionaria è possibile mettere la parola fine a tutto il brutto che oggi questo sistema impone ai lavoratori, alle donne, ai giovani, a tutte le masse popolari, per mettere fine allo sfruttamento, agli orrori, all’oppressione, alle guerre, agli stupri, ai femminicidi, a tutte le forme di violenza sessuale. Nessuno può illudere del contrario!

Fare solo un discorso di "cambiamento di idee", di "cultura", "educazione" è impotente. Le idee dominanti sono quelle della classe dominante, e non possono che essere marce. Senza rovesciare la classe dominante, senza la "pratica della violenza rivoluzionaria", non si avvia il processo di rivoluzione culturale per cambiare le idee.
Ogni avanzamento reale, ogni rottura pratica fatta dalla lotta delle donne, vale 1000 tentativi di trasformazione delle idee in questa società.

Le donne hanno tutto l'interesse a lottare per una società, uno Stato socialista, frutto di una guerra popolare, di una rivoluzione in cui le donne portano e sono la "marcia in più" che pretende e attua un cambiamento a 360°! Uno Stato socialista, in cui le donne sono parte del nuovo potere proletario, che considera e tratta i femminicidi, gli stupri tra i più gravi crimini dell'umanità; che non considera ciò che avviene nelle famiglie e la condizione delle donne, delle ragazze un "affare privato"; che mette al primo posto l'attuazione delle condizioni oggettive, lavorative, di socializzazione dei servizi sociali, di abolizione del lavoro domestico, e delle condizioni culturali, ideologiche, di libertà, perchè vi sia realmente la liberazione di tutte le donne a tutti i livelli.

Per tutto questo serve oggi più che mai un movimento femminista proletario rivoluzionario.

MFPR

dia LOOKING BACK AT 50 YEARS OF A PEOPLEʹS MOVEMENT

A major achievement of the Naxalbari movement was giving Dalits, adivasis a sense of self-respect, says Telugu writer Vara Vara Rao.
The Naxalbari movement began 50 years ago, and is still on. ʹNowhere else in the world will you find a continued class struggle that has lasted so many years,ʹ said Vara Vara Rao, the famous Telugu poet and writer, speaking on ʹ50 Years of Naxalbari, Looking Back, Looking Forwardʹ.
Rao was delivering the ninth Anuradha Ghandy Memorial lecture at the Mumbai Marathi Patrakar Sangh. Ghandy, an alumnus of Elphinstone College, became part of the central Committee of the CPI (Maoist). She passed away from cerebral malaria in 2008. Since then, her colleagues have held an annual lecture in her memory.
A remarkable achievement of the Naxalbari movement was giving Dalits and adivasis a sense of self-respect, he said. The movement had also brought forth an ʹalternative to parliamentary politicsʹ, Rao said.
Describing the parallel government that exists in the forest region spread across the states of Chhattisgarh, Maharashtra, Andhra Pradesh, Orissa and Jharkhand, Rao said this was a government based on ʹpeopleʹs power. They donʹt fight elections, they donʹt pay taxes. This seizure of power started with liberating land from the hands of landlords and forming co-operatives, and protecting this land from the landlordsʹ armies and the policeʹ.
According to Rao, power in this parallel government was shared by a ʹunited front of adivasis, Dalits, small and middle farmers, and the landless, all protected by a peopleʹs army. This has been in existence since 13 years, and has survived in the face of the harshest repression in the form of Operation Green Hunt under the UPA government, and now an all-out war under the NDA governmentʹ.
Tilak Dasgupta, who had been part of the Naxalite movement in Bihar, spoke of the movementʹs legacy. ʹIndia was at that time an 80 per cent agricultural economy. The Naxalite movement centred around agrarian issues. For the first time, poor and landless peasants were brought into the political arena as independent actors. Earlier, peasant movements had been led by those who owned land. For the first time, too, adivasis and Dalits were brought into the class struggle.ʹ
While the movement did not bring too many material benefits to the people, Dasgupta said, it led to the democratisation of society to a large extent wherever the movement was strong. ʹThe Constitutional rights to free speech, to organise, even to vote – everything was crushed when we began working. All of these rights had to be won through struggle. Ironically, though we did not believe in Parliamentary elections, because of our struggle, those who had never been allowed to vote till then could now exercise their vote.ʹ
Dasgupta said the challenge before the movement was to break out of its narrow confines and reach wider sections of the people – the working class, as well as the small producers and farmers who were fighting a lastditch battle against big corporates.

4 - The importance of Great Proletarian Cultural Revolution Successes – Lessons CC, CPI (Maoist) February 26th, 2017

(On the occasion of the 50th Anniversary of the Great Proletarian Cultural Revolution of China) 
                              4
The process of GPCR

Though the Tenth Plenary meeting of the Eighth CC in 1962 accepted the Socialist Cultural Revolution officially, its implementation was half hearted and in the opposite direction of Mao’s line. Finally the CC in the guidance of Mao dissolved the leading ‘Group of Five’ that was back stabbing the Cultural Revolution, in 1966 May. It formed a new ‘Cultural Revolution Group’ in the direct supervision of the Standing Committee of the Polit Bureau. With this the Great Proletarian Cultural Revolution started in the actual way. The 1966 May 16th circular formulated the theory, line,

Ibrahim Kaypakkaya on the Kurdish National Question

The following text is excerpted from a lengthy polemic by Ibrahim Kaypakkaya entitled The National Question in Turkey. This work was originally completed in December 1971, before Ibrahim Kaypakkaya led the genuine Marxist-Leninists in splitting with the Shafak revisionists, who were also billing themselves then as the Revolutionary Workers and Peasants Party of Turkey (TIIKP), and founded the Communist Party of Turkey/Marxist-Leninist (TKP/ML) in April 1972. The National Question in Turkey was re-edited by Ibrahim Kaypakkaya in June 1972, soon after the organisational split with the TIIKP revisionists.
The excerpts printed here are translated from a collection entitled Selected Writings, Ibrahim Kaypakkaya, which was published by Ocak Yayinlari, Istanbul, 1979. AWTW
2. Who is subjected to national oppression?
According to the Shafak revisionists, it is the Kurdish people who are being subjected to national oppression. This fails to grasp what national oppression means. National oppression is the oppression to which the ruling classes of the dominant nation subject the oppressed, dependent and minority nations. In Turkey, national oppression is the oppression by the ruling classes of the dominant Turkish nation not just of the Kurdish people but of the entire Kurdish nation, and not even of the Kurdish nation alone, but of all minority nationalities.